COOKIES

Il presente sito utilizza i cookie per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente.
Utilizzando questo sito si accetta l’uso dei cookie. Consulta l’informativa per avere maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie.
ACCETTO

Oli Essenziali

Lavanda Spica BIO

14.00 €

Lavandula latifolia

|

10 ml

Ottenuto per: distillazione delle spighe e degli steli.

Nota: testa\cuore.

Origine: Spagna

Composizione: 100% puro, integro e naturale.

Profilo biochimico caratterizzante: alcoli (linalolo 40%); ossidi ( 1,8-cineolo 30%); chetoni ( canfora 10%).

Descrizione della fragranza: erbacea, medicinale, canforata

Utilizzi possibili: aroma per alimenti, ambienti, cosmetici. Descritto in Aromaterapia Applicata.

Lavanda: un sempreverde profumato nativo dell'Europa meridionale, in particolare in tutto il Mediterraneo. La maggior parte della coltura commerciale è coltivata in Francia, Spagna, Bulgaria e Unione Sovietica. Alcuni sono anche cresciuti in Tasmania, e c'è un'industria minore, ma fiorente in Inghilterra.

Le piante di lavanda crescono fino a 1 metro di altezza e possono diventare molto legnose e diffuse. Le foglie strette sono grigi e morbide. I fiori sono grigio-blu, sopportati su lunghi steli sottili. Le ghiandole olifere sono in minuscoli peli a forma di stella con cui sono coperte le foglie, i fiori e gli steli.

La lavanda è stata utilizzata fin dai tempi antichi tanto per il suo profumo delicato quanto per le sue proprietà medicinali. Gli oli di lavanda spica furono menzionati da Dioscorides, Galeno e Plinio. I Romani hanno aggiunto la lavanda alla loro acqua da bagno (il nome viene dal latino, lavare, da lavare). Era una pianta consolidata del XII secolo, mentre St Hildegarde gli assegnava un intero capitolo nel suo trattato medico. Era anche una pianta coltivata nei giardini dei monasteri medicinale in Europa nel XIII e XIV secolo.

Tutte le varietà di lavanda erano state distillate insieme senza distinzione, molti chiamavano lo sticadore o olio di spike. Nel 1760, tuttavia, le caratteristiche botaniche delle piante cominciarono ad essere classificate separatamente.

Gli antichi classificarono la lavanda come stimolante, tonico, stomaco e carminativo. Matthioli, botanico cinquecentesco, considerava i fiori di lavanda come una panacea efficace, menzionando cure di lavanda per epilessia, apoplessia e problemi mentali. 

Utilizzi nei diffusori: pulisce l’aria, balsamico.

Effetti della fragranza: antistress.

Utilizzi in cosmetica*: oli e creme per il corpo, idratante e tonificante. Nei bagnodoccia rinfrescanti.

Curiosità: contro le tarme, gli insetti e i parassiti in genere, vaporizzare negli ambienti.

Avvertenze e controindicazioni: non tossico, non irritante, non sensibilizzante. E’ un olio estremamente sicuro che si può impiegare anche puro. 

 

 

*Disclaimer: le informazioni riportate provengono dalla letteratura e non sono attributi del prodotto, hanno valore puramente divulgativo e non possono essere intese quali proprietà terapeutiche.